Passa ai contenuti principali

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

Solo il dialogo e la diplomazia possono mettere fine alla guerra

Il memoriale delle vittime del massacro di Bucha - Foto Sant'Egidio

Come ha detto Francesco, è molto importante avviare contatti, aprendo «rapporti, canali di amicizia»

La guerra in Ucraina è tanto vicina. Me ne sono reso conto ancora di più durante un recente viaggio. Ho visitato Leopoli, dove al milione di abitanti si sono aggiunti 200 mila rifugiati. Sono andato nella capitale Kyiv che, qualche giorno fa, è stata colpita da un missile russo. Vicino c'è Irpin, dove i russi hanno compiuto gravi distruzioni, quando sono giunti alle porte della capitale. Irpin è stata liberata il 22 marzo 2022 e il Governo ha proceduto a una rapida ricostruzione, ma le ferite restano. E lì vicino c'è anche Bucha, dove russi e ceceni hanno massacrato più di 450 ucraini, tra cui bambini e parecchie persone con segni di tortura.

Lì, assieme ad amici ucraini, ho sentito il dolore della guerra e di queste incredibili violenze. Il dolore si legge sul volto di tanti, specie donne. Hanno lasciato la casa, spesso distrutta, per scappare dalla guerra. Una rifugiata a Leopoli mi ha detto: «Ho preso un bus per fuggire, ma non sapevo nemmeno dove andava». C'è poi la logorante angoscia segreta dei genitori e delle mogli per i ragazzi in guerra. Nella chiesa militare di Leopoli, una lunga parete è coperta da foto dei caduti: c'è chi prega, c'è chi tocca le immagini... 

La società resiste. Ma la sofferenza è visibile, anche se Kyiv è una capitale vivace. Non manca la movida dei giovani, anche se questi soffrono molto, certamente come soldati protagonisti della guerra e prime vittime.  Ma poi molti giovani sono spaesati, trasferiti bruscamente oppure inquieti perché i sogni sul loro futuro si sono infranti. Oggi, però, dopo l'attacco russo, gli ucraini sono compatti, anche quelli russofoni o che erano filorussi. L'aggressione è stato un atto troppo violento e ingiusto.

La terra ucraina e i suoi abitanti pagano un prezzo enorme di sangue e di distruzioni. Le notti di molti sono turbate dagli allarmi aerei, che invitano a scendere in rifugi spesso improvvisati. Talvolta gli attacchi sono sanguinosi: a Uman, dove è conservata la tomba di un grande maestro dell`ebraismo mistico dei hassidim, Nachman di Breslov, il 28 aprile scorso un missile ha colpito di notte un'abitazione civile, provocando oltre 20 morti. 

Ho visitato i centri di solidarietà della Comunità di Sant'Egidio, su cui sono convogliati molti aiuti provenienti specie dall'Italia, da singoli, diocesi,  istituzioni. Gli ucraini della Comunità distribuiscono gli aiuti e ricevono le persone. Ucraini sostengono altri ucraini. Il sostegno materiale porta all'incontro con persone spaesate e sofferenti, che hanno bisogno di condividere la loro situazione e i loro problemi. Mi colpisce che non pochi, dopo aver domandato qualche volta gli aiuti, chiedano di poter aiutare a loro volta. Questo avviene anche da parte dei  giovani. 

La solidarietà dà senso a esistenze sradicate ed è un modo di lottare. Si vive qui quello che Sant'Egidio sente in tante parti del mondo: «Nessuno è mai tanto povero da  non poter aiutare un altro povero». Aiutare diventa un'esperienza che dà senso alla vita, rianima la fede e libera dal pessimismo vittimista. 

In genere ho notato però come l'aiuto umanitario non sia sufficiente e sia necessario un nuovo impegno europeo in questo senso. Soprattutto incombe  la domanda su quanto durerà la guerra.  Gli ucraini pensano fino alla riconquista delle loro terre, ma sarà mai possibile di fronte alla forza della Russia? Papa  Francesco, di ritorno dall'Ungheria, ha  parlato di una missione vaticana a Kyiv  e Mosca per la pace. 

Credo sia molto importante perché bisogna avviare segni di  pace e aprire contatti. Abbiamo bisogno  di investire di più sulla diplomazia. Giustamente il Papa ha detto, rispondendo  alla domanda di una giornalista: «Credo che la pace si faccia sempre aprendo canali, mai si può fare una pace con la  chiusura. Invito tutti ad aprire rapporti, canali di amicizia». 


Editoriale di Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana del 14/5/2023


Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

La "forza debole" della preghiera può spostare le montagne

Il cardinale Matteo Maria Zuppi con il presidente Joe Biden Il cardinale Zuppi è stato a Washington dal 17 al 19 luglio dove ha incontrato anche il presidente Biden . Nel lungo e cordiale incontro, il cardinale gli ha consegnato una lettera di Francesco e gli ha manifestato "il dolore del Papa per la sofferenza causata dalla guerra". La sofferenza della guerra è stata al centro del colloquio. L'inviato del Papa si è chiesto come alleviarla. Le questioni umanitarie sono state un tema rilevante nelle conversazioni perché la Santa Sede è molto impegnata su di esse. Il colloquio ha toccato gli sviluppi del conflitto, iniziato un anno e mezzo fa con l'attacco russo. La Santa Sede, come ha già manifestato il card. Zuppi sia a Kyiv che a Mosca, è preoccupata per il suo prolungarsi. Nel viaggio a Kyiv il cardinale aveva constatato le condizioni di vita del popolo ucraino. A sua volta l'elemosiniere del papa, il card. Krajewski, si è recato più volte in Ucraina, anche in r

La Chiesa non si deve rassegnare a un paese fatto di "sonnambuli": dalla sua storia e dal suo vissuto emergono energie di fede e speranza che fanno bene a tutti, vecchi e nuovi italiani

Migranti latinoamericani a messa dal Papa Sono "sonnambuli" gli italiani secondo il rapporto del Censis. Ma una comunità con meno fedeli ha energie di fede In che mondo gli italiani vivono la loro fede? Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, la  57a edizione di un'analisi che ha accompagnato la storia italiana, ci aiuta - grazie alle intuizioni di Giuseppe De Rita - a guardare alle dinamiche del presente e del futuro. Non si può pensare alla fede fuori dalla realtà umana degli italiani. Tante volte l'idea di cambiare la Chiesa viene declinata in maniera interna e autoreferenziale. Gli italiani, oggi, non sono quelli che vissero il Vaticano II o le crisi vitali degli anni Sessanta-Settanta. Non sono il Paese "forte", che resistette al terrorismo, in cui il cattolicesimo era una componente decisiva.  Oggi - dice il rapporto - l'Italia è un Paese di "sonnambuli": «il portato antropologico della difficile transizione dalla grammat