Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da agosto, 2023

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

Al G20 indiano si gioca un'altra carta per la pace in Ucraina

Il premier indiano Narendra Modi il 15 Agosto mentre si rivolge alla folla dal Forte Rosso di New Delhi, in occasione della celebrazione della festa dell'Indipendenza dell'India - Foto da  https://www.pmindia.gov.in/ È ormai chiaro che una soluzione del conflitto potrà avvenire solo in un orizzonte internazionale L'Ucraina non sarà invitata al G20 in India il 9 e il 10 settembre prossimo. La decisione è dell'India. La Russia invece sarà presente. La scelta ha sorpreso quanti pensavano che la riunione potesse essere l'occasione per cercare una soluzione al conflitto russo-ucraino e favorire un incontro tra Putin e Zelensky (in realtà gli ucraini hanno dichiarato da tempo di non accettare un confronto diretto).  L'India non vuole deviare dal programma del prossimo G20, centrato sulla crescita globale. L'ha dichiarato il ministro degli Esteri indiano, Jaishankar, dicendo però che il suo Governo è preoccupato per come la guerra pesi sull'economia mondiale. 

Bombe e martiri: trent'anni fa la Mafia attaccò la Chiesa

San Giovanni in Laterano, la cattedrale del Papa, subito dopo l'attentato mafioso: un'autobomba esplose nella notte tra il 27 e il 28 luglio 1993. Nel maggio '93, il Papa denunciò i clan. A luglio, gli attentati a Roma. A settembre, la morte di Puglisi A fine luglio 1993 Roma fu colpita da una serie di attentati mafiosi. Il più clamoroso fu un'autobomba alla facciata settentrionale della basilica di San Giovanni in Laterano, dove ha sede il Vicariato di Roma, la curia diocesana. San Giovanni è la cattedrale del Papa. Pochi minuti dopo l'attentato al Laterano, era la notte tra il 27 e il 28 luglio 1993, fu anche colpita San Giorgio in Velabro, un'antica chiesa, senza il significato simbolico di San Giovanni, probabilmente perché ubicata in un angolo poco frequentato di Roma antica.  La mafia si era sentita sfidata da Karol Wojtyla , che l'aveva chiamata per nome, accusandola degli assassini compiuti e aveva invitato i mafiosi al pentimento. Il forte discorso