Passa ai contenuti principali

Al G20 indiano si gioca un'altra carta per la pace in Ucraina

Il premier indiano Narendra Modi il 15 Agosto mentre si rivolge alla folla dal Forte Rosso di New Delhi, in occasione della celebrazione della festa dell'Indipendenza dell'India - Foto da https://www.pmindia.gov.in/

È ormai chiaro che una soluzione del conflitto potrà avvenire solo in un orizzonte internazionale

L'Ucraina non sarà invitata al G20 in India il 9 e il 10 settembre prossimo. La decisione è dell'India. La Russia invece sarà presente. La scelta ha sorpreso quanti pensavano che la riunione potesse essere l'occasione per cercare una soluzione al conflitto russo-ucraino e favorire un incontro tra Putin e Zelensky (in realtà gli ucraini hanno dichiarato da tempo di non accettare un confronto diretto). 

L'India non vuole deviare dal programma del prossimo G20, centrato sulla crescita globale. L'ha dichiarato il ministro degli Esteri indiano, Jaishankar, dicendo però che il suo Governo è preoccupato per come la guerra pesi sull'economia mondiale. 

L'incontro del G20 rappresenta i Paesi che detengono più dell'80% del Pil mondiale, il 60% della popolazione della terra e il 75% del commercio globale. Raccoglie Arabia Saudita, Australia, Argentina, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, India, Indonesia, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Sudafrica, Turchia e Ue. L'Ucraina non è membro del gruppo, ma avrebbe potuto essere invitata come fu per il G20 in Indonesia. La presidenza indiana intende valorizzare al massimo la riunione. L'evento infatti s'incrocia con il rilancio dell'India come grande player mondiale. 

In occasione della festa dell'Indipendenza indiana, il 15 agosto, il premier Narendra Modi, parlando a una grande folla, nel quadro solenne del Forte Rosso di New Delhi, ha affermato che il suo Paese è ormai decisivo nel plasmare un nuovo ordine mondiale. Ha previsto che, in cinque anni, l'India sarà la terza economia del mondo. Il Paese - ha rivendicato - «sta diventando la voce del Sud globale» nel quadro di «un nuovo ordine globale e di una nuova equazione geopolitica». Il conflitto tra Russia e Ucraina può forse trovare una via di soluzione proprio nel più vasto orizzonte internazionale, come si è già visto nel recente incontro (ancora di carattere esplorativo) in Arabia Saudita. 

Del resto, il ruolo della Cina, in buoni rapporti con Kyiv ma molto vicina a Putin, resta decisivo, se si vuole pensare a una soluzione pacifica. Non è un caso che la Santa Sede, dopo aver inviato il cardinale Zuppi a Mosca, Kyiv e Washington, pensi a un confronto con i cinesi in materia. I presidenti africani inviati a Mosca da Putin, il presidente Lula in varie occasioni, il Sudafrica, alcuni Paesi del Sud globale, in un modo o nell'altro, hanno mostrato di essere disponibili ad aiutare la fine del conflitto e determinati a non pagarne ulteriormente le conseguenze. 

Questo non significa però che per ora s'intraveda una via per la pace. Gli ucraini chiedono il rispetto della loro integrità territoriale, mentre i russi, dopo l'aggressione del Paese, non sono disposti a retrocedere. Sembra uno stallo. Per questo non bisogna scartare le strade che, qua e là, si vanno aprendo nel mondo. Deve finire la carneficina dei combattenti ucraini e russi, come anche le sofferenze del popolo ucraino. A queste motivazioni principali si aggiungono quelle di un Sud globale che non vuole più subire le conseguenze del conflitto.


Editoriale di Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana del 27/8/2023

Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

I corridoi lavorativi: modello di accoglienza e buon senso

Sono un modo sicuro per integrare i rifugiati e avere la manodopera di cui abbiamo bisogno La sorpresa è venuta dalla società italiana: a fronte dei 151.000 posti messi in palio dal decreto flussi (non stagionali), le domande degli italiani sono state oltre 690.000. Una massa di richieste a dimostrazione dell'enorme bisogno di manodopera in quasi tutti i settori. La decrescita demografica rende urgente cercare manodopera all'estero.  La paura e l'allarmismo hanno paralizzato la politica che non ha trovato una soluzione ragionevole. I Governi della Ue sono immobilizzati dallo spirito del tempo: paura dei migranti e idea che ognuno debba fare da sé.  Ma i dati parlano chiaro: l'economia europea ha bisogno di manodopera, ma soprattutto l'inverno demografico rende sempre più urgente un rimedio. In Italia c'è forte inquietudine: secondo i dati dell'Istituto Cattaneo, dovremo andare a cercare gli immigrati, pena il crollo dell'economia perché per cinque pens

La guerra non è inevitabile e il mondo non si deve rassegnare

Papa Francesco entrando all'Arena di Verona saluta Andrea Riccardi  È la costante profezia del Papa: per realizzarla, bisogna investire tutti su diplomazia e dialogo Papa Francesco ha presieduto, sabato 18 maggio, all'Arena di Verona, l'incontro Giustizia e pace si baceranno . L'"Arena di Pace", nata nel 1986, ha avuto sei edizioni. Due nel 1991, il periodo della prima guerra del Golfo, che segnò la massima mobilitazione per la pace. Dal 2003 questo evento non si teneva più.  Negli ultimi due decenni il movimento della pace ha coinvolto meno persone. Resta ancora in Italia un tessuto importante di realtà associative, ma complessivamente il tema della pace è uscito dal dibattito pubblico. Sembra un paradosso, si parla meno di pace proprio quando l'Europa si trova di fronte a un grave conflitto che, a partire dall'aggressione russa, sta dilaniando l'Ucraina. Si aggiunge la drammatica situazione in Terra Santa: l`aggressione terroristica d'Israe