Passa ai contenuti principali

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

Spegniamo le guerre in tutto il mondo


La pandemia ha rivelato l'assurdità di tutti i conflitti del pianeta. Ma purtroppo è difficile che l'invito di una tregua, rilanciato da Francesco, venga ascoltato

I1 segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha lanciato un appello per risvegliare chi si combatte nonostante la situazione drammatica in cui vive il mondo. Dalle sue parole emerge il valore insostituibile dell'Onu, che ha a cuore il "bene comune" dell'umanità. 
Conosciamo le critiche alle Nazioni Unite. Eppure questa organizzazione resta essenziale in un mondo che rischia di affogare in una miriade di particolarismi e nei contrasti tra risorgenti (o mai tramontati) nazionalismi. Guterres chiede la tregua per combattere un comune nemico: Covid-19. Aggiunge: «Al virus non interessano nazionalità, gruppi etnici, credo religiosi e fazioni. Li attacca tutti indistintamente e senza tregua». La guerra distrugge i sistemi sanitari, crea profughi e rifugiati, più esposti al contagio. 
Questo è l'invito del segretario generale: «Ritiratevi dalle ostilità. Mettete da parte diffidenza e animosità. Mettete a tacere le armi, l'artiglieria e i raid aerei». L'appello, rilanciato da papa Francesco, si è scontrato con il prevalere delle logiche di guerra, per cui niente è più importante della propria guerra. Non c'è vita umana da salvare; non c'è interesse superiore, niente. Eppure Guterres ha fatto bene a parlare. 
Piano piano la ragione comincia a prevalere qua e là. Le guerriglie filippine hanno accolto l'invito. Poi l'ha fatto una delle milizie anglofone che combattono il Governo del Camerun. I curdi impegnati nella battaglia di Idlib hanno chiesto una tregua. In Siria e Iraq la situazione umanitaria è impossibile con più di un milione di rifugiati (già il coronavirus è arrivato con alcuni casi). L'Eln, in Colombia, ha deciso un cessate il fuoco umanitario. In Sud Sudan la tregua regge. Intanto, nello Yemen (dove sono morte quasi 250 mila persone in cinque anni di guerra, in larga parte per malattia e fame), le due parti hanno accettato di cessare i combattimenti. Per l`Afghanistan ancora la tregua non è arrivata. 
È evidente la stoltezza dei conflitti dietro cui stanno "interessi" nazionali o di gruppi, strategie di controllo, odi che si tramandano. Ma ha ragione Guterres: «La furia del virus sottolinea la follia della guerra». 
La pandemia, dolorosamente, mette in luce che c'è un interesse superiore dei popoli: la pace che salva l'umanità e le consente di vivere. L'epidemia rivela tutta la follia e la meschinità delle logiche che guidano i conflitti e - in parte - la politica internazionale. Bisogna «concentrarsi sulla vera battaglia per le nostre vite». È un imperativo indiscutibile oggi. 
Potrà nascere, da questa crisi, una vera coscienza del valore della pace. Guterres è stato grande a parlare così: la sua iniziativa fa onore all'Onu e mostra la sua figura di grande europeo animato da una visione universalistica 
È nota la frase della tradizione ebraica: «Chi salva un uomo salva il mondo intero». E il Corano insegna: «Chiunque ucciderà una persona è come se avesse ucciso l'umanità intera. E chiunque avrà vivificato una persona sarà come se avesse dato vita all'umanità intera». Che non si uccida più una persona altrimenti si avrà la responsabilità di aver ucciso l'umanità! In queste settimane abbiamo imparato che l'umanità può morire, colpita dalla violenza di tanti interessi particolari.

Editoriale di Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana del 12/4/2020

Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

La "forza debole" della preghiera può spostare le montagne

Il cardinale Matteo Maria Zuppi con il presidente Joe Biden Il cardinale Zuppi è stato a Washington dal 17 al 19 luglio dove ha incontrato anche il presidente Biden . Nel lungo e cordiale incontro, il cardinale gli ha consegnato una lettera di Francesco e gli ha manifestato "il dolore del Papa per la sofferenza causata dalla guerra". La sofferenza della guerra è stata al centro del colloquio. L'inviato del Papa si è chiesto come alleviarla. Le questioni umanitarie sono state un tema rilevante nelle conversazioni perché la Santa Sede è molto impegnata su di esse. Il colloquio ha toccato gli sviluppi del conflitto, iniziato un anno e mezzo fa con l'attacco russo. La Santa Sede, come ha già manifestato il card. Zuppi sia a Kyiv che a Mosca, è preoccupata per il suo prolungarsi. Nel viaggio a Kyiv il cardinale aveva constatato le condizioni di vita del popolo ucraino. A sua volta l'elemosiniere del papa, il card. Krajewski, si è recato più volte in Ucraina, anche in r

La Chiesa non si deve rassegnare a un paese fatto di "sonnambuli": dalla sua storia e dal suo vissuto emergono energie di fede e speranza che fanno bene a tutti, vecchi e nuovi italiani

Migranti latinoamericani a messa dal Papa Sono "sonnambuli" gli italiani secondo il rapporto del Censis. Ma una comunità con meno fedeli ha energie di fede In che mondo gli italiani vivono la loro fede? Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, la  57a edizione di un'analisi che ha accompagnato la storia italiana, ci aiuta - grazie alle intuizioni di Giuseppe De Rita - a guardare alle dinamiche del presente e del futuro. Non si può pensare alla fede fuori dalla realtà umana degli italiani. Tante volte l'idea di cambiare la Chiesa viene declinata in maniera interna e autoreferenziale. Gli italiani, oggi, non sono quelli che vissero il Vaticano II o le crisi vitali degli anni Sessanta-Settanta. Non sono il Paese "forte", che resistette al terrorismo, in cui il cattolicesimo era una componente decisiva.  Oggi - dice il rapporto - l'Italia è un Paese di "sonnambuli": «il portato antropologico della difficile transizione dalla grammat