Passa ai contenuti principali

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

Contro l'intolleranza seguiamo l'esempio di San Giovanni Paolo II

Giovanni Paolo II accolto alla sinagoga di Roma dal rabbino capo Elio Toaff il 13 aprile 1986

Nonostante la tradizione della sua Polonia ci insegnò ad amare fraternamente il popolo d'Israele

Si resta sorpresi dell'emersione nelle nostre società dell'odio nei confronti dell'ebreo. Com'è possibile che la Shoah non abbia cancellato l'antisemitismo dopo quanto di terribile è accaduto al popolo ebraico? 

Non sono bastati sei milioni di ebrei uccisi dal nazismo per capire il male dell'antisemitismo. Lo si credeva, ma non è stato così. Il negazionismo ha cominciato a operare fin dai lager con la distruzione delle prove da parte nazista. Soprattutto con il terribile sarcasmo degli aguzzini verso gli ebrei: chi vi crederà? La memoria della Shoah è stata la grande risposta all'antisemitismo dal secondo dopoguerra. Ha fatto crescere la coscienza che "siamo tutti sulla stessa barca". Il pastore evangelico tedesco, Martin Niemöller, nel 1946, pronunciò queste parole: 

«Quando i nazisti presero i comunisti, / io non dissi nulla/ perché non ero comunista. / Quando rinchiusero i socialdemocratici / io non dissi nulla/ perché non ero socialdemocratico. / Quando presero i sindacalisti, / io non dissi nulla/ perché non ero sindacalista. / Poi presero gli ebrei, / e io non dissi nulla/ perché non ero ebreo. / Poi vennero a prendere me. / E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa». 

L'antisemitismo viene da lontano. L'antigiudaismo cristiano motiva le crudeli espulsioni degli ebrei dalla Spagna del 1492. Nonostante molti ebrei spagnoli fossero stati accolti nel mondo musulmano, non si può dimenticare l'esistenza dell`antisemitismo musulmano. Nel XX secolo, nel mondo arabo, avvengono veri e propri pogrom contro gli ebrei tanto che in 800 mila lasciano i Paesi arabi. La nascita dello Stato d'Israele nel 1948 e l'irrisolta questione palestinese sono l'occasione per un rigurgito antisemita musulmano. 

Le scelte politiche d'Israele (come negli ultimi tempi, dopo il feroce attacco dei terroristi di Hamas, il 7 settembre) divengono occasione per scagliarsi contro gli ebrei, anche in diaspora. A Roma sono state divelte pietre della memoria ed è comparsa sulle mura dell'antico quartiere ebraico la stella di Davide con il segno di uguaglianza con la svastica. È quella che Deborah Lipstadt chiama la "tossificazione d'Israele". 

Da parte loro, i cattolici, che nell'Ottocento avevano visto - almeno in larga parte - gli ebrei come "nemici" della Chiesa e partecipi della "congiura" moderna che voleva eliminarla, hanno invece compiuto passi importanti. Jules Isaac, storico francese di origine ebraica, che aveva perso la sua famiglia nella Shoah, ha chiesto ai pontefici - fin dal dopoguerra - la rinuncia all'"insegnamento del disprezzo", cioè all'antigiudaismo cristiano. 

Il Concilio Vaticano II ha chiarito con fermezza il ripudio di ogni antisemitismo da parte della Chiesa, suscitando perplessità tra i più tradizionalisti e i cattolici arabi. San Giovanni Paolo II, papa particolarmente sensibile ai rapporti con gli ebrei, molto distaccato dalla tradizione antisemita cattolico-polacca, ha affermato durante la visita alla sinagoga di Roma nel 1986: «La religione ebraica non ci è "estrinseca", ma in un certo qual modo, è "intrinseca" alla nostra religione». 

Oggi bisogna riaffermare con forza i legami tra ebrei e cristiani. Ha giustamente detto il cardinale Zuppi, presidente della Cei: «La Chiesa non è solo vicina [agli ebrei], ma considera ogni attacco a loro, anche verbale, come un colpo a sé stessa e un'espressione blasfema di odio».


Editoriale di Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana del 26/11/2023

Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

La "forza debole" della preghiera può spostare le montagne

Il cardinale Matteo Maria Zuppi con il presidente Joe Biden Il cardinale Zuppi è stato a Washington dal 17 al 19 luglio dove ha incontrato anche il presidente Biden . Nel lungo e cordiale incontro, il cardinale gli ha consegnato una lettera di Francesco e gli ha manifestato "il dolore del Papa per la sofferenza causata dalla guerra". La sofferenza della guerra è stata al centro del colloquio. L'inviato del Papa si è chiesto come alleviarla. Le questioni umanitarie sono state un tema rilevante nelle conversazioni perché la Santa Sede è molto impegnata su di esse. Il colloquio ha toccato gli sviluppi del conflitto, iniziato un anno e mezzo fa con l'attacco russo. La Santa Sede, come ha già manifestato il card. Zuppi sia a Kyiv che a Mosca, è preoccupata per il suo prolungarsi. Nel viaggio a Kyiv il cardinale aveva constatato le condizioni di vita del popolo ucraino. A sua volta l'elemosiniere del papa, il card. Krajewski, si è recato più volte in Ucraina, anche in r

La Chiesa non si deve rassegnare a un paese fatto di "sonnambuli": dalla sua storia e dal suo vissuto emergono energie di fede e speranza che fanno bene a tutti, vecchi e nuovi italiani

Migranti latinoamericani a messa dal Papa Sono "sonnambuli" gli italiani secondo il rapporto del Censis. Ma una comunità con meno fedeli ha energie di fede In che mondo gli italiani vivono la loro fede? Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, la  57a edizione di un'analisi che ha accompagnato la storia italiana, ci aiuta - grazie alle intuizioni di Giuseppe De Rita - a guardare alle dinamiche del presente e del futuro. Non si può pensare alla fede fuori dalla realtà umana degli italiani. Tante volte l'idea di cambiare la Chiesa viene declinata in maniera interna e autoreferenziale. Gli italiani, oggi, non sono quelli che vissero il Vaticano II o le crisi vitali degli anni Sessanta-Settanta. Non sono il Paese "forte", che resistette al terrorismo, in cui il cattolicesimo era una componente decisiva.  Oggi - dice il rapporto - l'Italia è un Paese di "sonnambuli": «il portato antropologico della difficile transizione dalla grammat