Passa ai contenuti principali

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

L'identità millenaria degli ebrei romani. La riflessione di Andrea Riccardi

Andrea Riccardi, nella rubrica "Religioni e civiltà" di "Sette, Corriere della Sera", parla della comunità ebraica di Roma e delle sue radici profondamente romane.

Ebrei profondamente italiani La visita del presidente israeliano al tempio di Roma riaccende la storia della comunità. La cui identità ha legami millenari da non dimenticare

Tempio maggiore di Roma

Il presidente d'Israele Reuven Rivlin ha visitato, qualche giorno fa, il tempio maggiore degli ebrei di Roma, durante la visita nella capitale. «Ma gli ebrei di Roma sono israeliani!», commentò durante la campagna per il Comune di Roma un candidato, spiegando che non era necessario chiedere il loro voto. È un pregiudizio, frutto di una lunga storia che ha segregato ed estraniato gli ebrei dalle società europee. L'odierno tempio di Roma si erge sull'area dell'antico ghetto in cui gli ebrei romani furono chiusi dai papi nel 1555 (chiamato il "serraglio degli ebrei"). Fu l'ultimo ghetto in Italia, chiuso nel 1870 con la fine del potere temporale dei papi e Roma capitale. L'emancipazione degli ebrei s'identificò con il Risorgimento. L'ebraismo italiano ha dato patrioti alla lotta risorgimentale e alla politica postrisorgimentale. Con l'Italia unita, gli ebrei erano considerati "italiani di fede mosaica". L'inaugurazione del tempio maggiore di Roma nel 1904, un imponente edificio sul Lungotevere, manifestò la presenza della comunità. Fu subito visitato dal re Vittorio Emanuele III, come riconoscimento del contributo ebraico all'Italia liberale. La folla lo accolse commossa e numerosa. Ma fu lo stesso re che, nel 1938, pose la sua firma sulle leggi "razziste" di Mussolini, che discriminava gli ebrei, come italiani a metà. La discriminazione divenne persecuzione assassina con l'occupazione nazista di Roma. Prima fu imposta alla comunità la consegna di 50 chili d'oro, raccolti in 36 ore tra gli ebrei accorsi al tempio. Poi, il 16 ottobre 1943, arrivò la razzia nazista degli ebrei. Per nove terribili mesi gli ebrei romani si nascosero. Ne morirono circa duemila nei lager tedeschi. La comunità si ricostituì faticosamente nell`età della Repubblica (e dopo la nascita dello Stato d'Israele), in un`Italia in cui non era ancora chiaro il dramma della Shoah. Nel 1982, un attentato palestinese alla sinagoga uccise un bambino ebreo e fece molti feriti.

NUMERO CIRCOSCRITTO. Molta storia della comunità è legata alla figura carismatica di Elio Toaff, rabbino capo di Roma per mezzo secolo, dal 1951 al 2001. Gli ebrei di Roma, nonostante il limitato numero dei membri (circa 13.000), sono un elemento importante nel panorama umano e morale del Paese: un soggetto sensibile alle tematiche dell`antisemitismo, ma anche della discriminazione e del dialogo tra diversi. La comunità, vitale prima dell'era cristiana, ha uno storico rito detto "italiano". Si colloca tra tradizione e modernità. Lo si è visto dall'ingresso del presidente israeliano nella sinagoga, accompagnato dal rabbino capo Riccardo Di Segni, ma anche dalla nuova presidente Ruth Dureghello, la prima donna a guidare l'ebraismo romano. L`identità degli ebrei è profondamente italiana. Di questa identità fa parte anche un profondo legame con Israele: frutto di una storia antica, ma anche del sionismo e della Shoah in Europa. I1 presidente Rivlin, parlando nel tempio, ha affermato che Israele accoglie, come sempre, a braccia aperte gli ebrei che vogliono far ritorno nella Terra, l'aliah; ma allo stesso tempo ha riconosciuto il valore della diaspora ebraica ed espresso la volontà di dialogare con essa.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

La "forza debole" della preghiera può spostare le montagne

Il cardinale Matteo Maria Zuppi con il presidente Joe Biden Il cardinale Zuppi è stato a Washington dal 17 al 19 luglio dove ha incontrato anche il presidente Biden . Nel lungo e cordiale incontro, il cardinale gli ha consegnato una lettera di Francesco e gli ha manifestato "il dolore del Papa per la sofferenza causata dalla guerra". La sofferenza della guerra è stata al centro del colloquio. L'inviato del Papa si è chiesto come alleviarla. Le questioni umanitarie sono state un tema rilevante nelle conversazioni perché la Santa Sede è molto impegnata su di esse. Il colloquio ha toccato gli sviluppi del conflitto, iniziato un anno e mezzo fa con l'attacco russo. La Santa Sede, come ha già manifestato il card. Zuppi sia a Kyiv che a Mosca, è preoccupata per il suo prolungarsi. Nel viaggio a Kyiv il cardinale aveva constatato le condizioni di vita del popolo ucraino. A sua volta l'elemosiniere del papa, il card. Krajewski, si è recato più volte in Ucraina, anche in r

La Chiesa non si deve rassegnare a un paese fatto di "sonnambuli": dalla sua storia e dal suo vissuto emergono energie di fede e speranza che fanno bene a tutti, vecchi e nuovi italiani

Migranti latinoamericani a messa dal Papa Sono "sonnambuli" gli italiani secondo il rapporto del Censis. Ma una comunità con meno fedeli ha energie di fede In che mondo gli italiani vivono la loro fede? Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, la  57a edizione di un'analisi che ha accompagnato la storia italiana, ci aiuta - grazie alle intuizioni di Giuseppe De Rita - a guardare alle dinamiche del presente e del futuro. Non si può pensare alla fede fuori dalla realtà umana degli italiani. Tante volte l'idea di cambiare la Chiesa viene declinata in maniera interna e autoreferenziale. Gli italiani, oggi, non sono quelli che vissero il Vaticano II o le crisi vitali degli anni Sessanta-Settanta. Non sono il Paese "forte", che resistette al terrorismo, in cui il cattolicesimo era una componente decisiva.  Oggi - dice il rapporto - l'Italia è un Paese di "sonnambuli": «il portato antropologico della difficile transizione dalla grammat