Passa ai contenuti principali

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

I risvolti politici ed ecclesiali del viaggio del papa in Ungheria. Alle sorgenti inquinate del potere sovranista

L'arrivo di papa Francesco in Ungheria - Foto Vatican News

Francesco è critico nei confronti della politica verso i migranti e i rifugiati condotta dall'attuale premier

Il prossimo viaggio di papa Francesco in Ungheria, dal 28 al 30 aprile, può sembrare un evento ordinario, eppure è un fatto su cui conviene riflettere. Dopo la Slovacchia, papa Bergoglio entra in contatto con il cattolicesimo dei Paesi di Visegrad, in genere piuttosto riservati rispetto alle sue posizioni e ai suoi orientamenti. Basti pensare alla Polonia, che pure Francesco aveva visitato nel 2016, dove il mondo cattolico appare parzialmente lontano dal sentire di papa Bergoglio. 

Tuttavia, i cattolicesimi dell'Est Europa sono molto diversi tra di loro. Quello slovacco, visitato nel 2021 dal Papa, ha un carattere piuttosto popolare, che lo fa assomigliare a quello polacco. Nella Repubblica Ceca, la Chiesa è abbastanza ridotta sia per la recente secolarizzazione che per la storia stessa del Paese.

In Ungheria il Papa non trova un cattolicesimo di tipo popolare, come quello polacco, ma una società anch'essa investita dalla secolarizzazione che risale agli anni stessi del regime comunista. Il cattolicesimo popolare polacco, guidato dal cardinale primate Wyszyński, rappresentò negli anni comunisti il Paese reale e il popolo opposti pacificamente al regime comunista. Diversa è stata la postura della Chiesa ungherese che, nonostante i drammi vissuti, specie con la repressione del 1956 da parte dei sovietici, aveva trovato un modus vivendi con il Governo comunista, pur faticoso e limitante. Va da sé che questo non era il modello preferito da Giovanni Paolo II. 

Questa storia pesa sull'attualità del cattolicesimo ungherese. Ma il presente interessa ancora di più il Papa e forse motiva il suo viaggio. L'Ungheria non è una nazione piccola o periferica, come l'Albania o la Bulgaria, Paesi che Bergoglio ha scelto di visitare invece delle grandi nazioni occidentali. Tuttavia essa è un Paese particolare per le sue scelte politiche. 

Francesco è critico nei confronti della politica verso i migranti e i rifugiati condotta dall'attuale premier Orbàn. D'altra parte ci sono aspetti che interessano il Pontefice, come la difesa della famiglia e l'impegno per superare la crisi demografica. Inoltre l'Ungheria è l'unico Paese dell'Unione a tenere aperto un canale con la Russia di Putin e ha buoni rapporti con la Cina. Va ricordato che la democrazia ungherese ha subito importanti limitazioni con il Governo Orbàn, sul piano della libertà di stampa e altro, tanto che Àgnes Heller, filosofa e figura del dissenso durante il comunismo, parlò di "democratura". 

In realtà, in Ungheria, nonostante il premier sia protestante, si è realizzato un regime che si potrebbe definire nazional- cattolico, in cui la tradizione cattolica nazionale, i valori religiosi, la Chiesa, sono posti al centro dell'identità ungherese, che si vuole difendere da contaminazioni ideologiche occidentaliste o dall'islamizzazione. Il nazional-cattolicesimo, che si ritrova in altra versione in Ungheria, dopo la crisi della Democrazia cristiana (espressione del cattolicesimo democratico) è l'unico modello politico "cattolico", che peraltro si connette a una lunga tradizione storica di cattolicesimo dell'autorità dalle radici ottocentesche. 

Se la proiezione del cattolicesimo in Ungheria è importante (la corona di Santo Stefano, simbolo dell'Ungheria cattolica, è in Parlamento), la realtà della Chiesa cattolica non è vasta e popolare come in Polonia. È interessante vedere l'impatto del viaggio del Papa argentino in questa Ungheria, ufficialmente cattolica ma anche secolarizzata. 


Editoriale di Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana del 30/04/2023

Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

La "forza debole" della preghiera può spostare le montagne

Il cardinale Matteo Maria Zuppi con il presidente Joe Biden Il cardinale Zuppi è stato a Washington dal 17 al 19 luglio dove ha incontrato anche il presidente Biden . Nel lungo e cordiale incontro, il cardinale gli ha consegnato una lettera di Francesco e gli ha manifestato "il dolore del Papa per la sofferenza causata dalla guerra". La sofferenza della guerra è stata al centro del colloquio. L'inviato del Papa si è chiesto come alleviarla. Le questioni umanitarie sono state un tema rilevante nelle conversazioni perché la Santa Sede è molto impegnata su di esse. Il colloquio ha toccato gli sviluppi del conflitto, iniziato un anno e mezzo fa con l'attacco russo. La Santa Sede, come ha già manifestato il card. Zuppi sia a Kyiv che a Mosca, è preoccupata per il suo prolungarsi. Nel viaggio a Kyiv il cardinale aveva constatato le condizioni di vita del popolo ucraino. A sua volta l'elemosiniere del papa, il card. Krajewski, si è recato più volte in Ucraina, anche in r

La Chiesa non si deve rassegnare a un paese fatto di "sonnambuli": dalla sua storia e dal suo vissuto emergono energie di fede e speranza che fanno bene a tutti, vecchi e nuovi italiani

Migranti latinoamericani a messa dal Papa Sono "sonnambuli" gli italiani secondo il rapporto del Censis. Ma una comunità con meno fedeli ha energie di fede In che mondo gli italiani vivono la loro fede? Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, la  57a edizione di un'analisi che ha accompagnato la storia italiana, ci aiuta - grazie alle intuizioni di Giuseppe De Rita - a guardare alle dinamiche del presente e del futuro. Non si può pensare alla fede fuori dalla realtà umana degli italiani. Tante volte l'idea di cambiare la Chiesa viene declinata in maniera interna e autoreferenziale. Gli italiani, oggi, non sono quelli che vissero il Vaticano II o le crisi vitali degli anni Sessanta-Settanta. Non sono il Paese "forte", che resistette al terrorismo, in cui il cattolicesimo era una componente decisiva.  Oggi - dice il rapporto - l'Italia è un Paese di "sonnambuli": «il portato antropologico della difficile transizione dalla grammat