Passa ai contenuti principali

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

Nella lotta alla pandemia non può vincere il nazionalismo

Un laboratorio del programma DREAM - Foto Sant'Egidio

In Africa sono state immunizzate solo 25 persone: senza una strategia globale, sarà un dramma per tutti

Stiamo assistendo in questi giorni al dramma dell'insufficienza dei vaccini anti-Covid in Italia. Questo purtroppo confermerà l'alta mortalità della popolazione anziana e più fragile. L'accaparramento da parte di alcuni Paesi andrà chiarito. C'è però una constatazione elementare: le industrie farmaceutiche, che producono i diversi tipi di vaccino, sono oberate da una larghissima richiesta. 

Non bisognerebbe allargare la platea dei produttori con le case farmaceutiche in grado di produrre il vaccino, perché già in possesso della tecnologia? Questo favorirebbe l'allargamento delle forniture e una più rapida vaccinazione della popolazione. Magari le case farmaceutiche potrebbero pagare le royalties ai produttori, realizzando anche un guadagno da parte loro, ma soprattutto aiutando la salute pubblica. Si vede bene come la logica di mercato ha bisogno di correzione. 

L'attuale distribuzione riguarda l'Europa e l'America. Ma il resto del mondo? E l'Africa? La pandemia sta avendo effetti disastrosi in questo continente e minaccia i progressi già ottenuti contro l'Aids, la tubercolosi, la malaria, ebola e altre malattie. È vero che i contagi africani non sono ai livelli europei o americani, ma gli effetti della pandemia si sono già fatti sentire sull'economia africana, che rischia la peggiore recessione degli ultimi 25 anni. Inoltre si profila lo spettro della fame per l'allarmante piaga delle locuste (quest'anno più grave) e la cronica siccità nell`Africa dell'Est. 

Del resto l'Africa ha pagato un prezzo altissimo con l'Aids e l'influenza aviaria H5N1. Si stima che, tra il 1997 e il 2007, siano morti 12 milioni di africani in attesa che arrivassero i farmaci. L'Africa è sempre in fondo alla lista d'attesa per i vaccini (in genere ci vogliono dieci anni perché arrivino in questo continente). Eppure questo continente dà un contributo - materie prime, cibo, forza lavoro - all'economia mondiale. 

Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Istituto clinico Humanitas, ha constatato che in Africa a oggi sono state vaccinate solo 25 persone. Ci vuole una risposta ferma al "nazionalismo" dilagante sui vaccini, concentrato solo sulla propria popolazione. L'Africa non può restare fuori dalla porta. È un bene per gli africani, ma anche per il resto del mondo. Perché in quello globale tutto si comunica e questo virus conosce varianti temibili. 

Se non si vaccina l'Africa sarà un dramma per tutti, ma anche un danno all'economia globale. Winnie Byanyima, direttrice di Unaids, ha fatto un appello alle industrie farmaceutiche perché non cerchino solo super profitti: «Possono ancora realizzarli anche se condividono le loro formule». Una produzione allargata del vaccino e un fondo internazionale (che ne sostenga la distribuzione) mostrerebbero che abbiamo finalmente capito la lezione della pandemia: il mondo globale è uno solo, sotto tutti gli aspetti, non soltanto per quelli finanziari o del commercio. C'è un unico destino di quest'umanità globale, tutta toccata dalla pandemia. 

C'è bisogno di una strategia coordinata per sviluppare, finanziare, produrre e distribuire i vaccini a quanti ne hanno necessità. Questo garantirà la salute e sarà l'affermazione di una solidarietà globale. Non si può vivere in un mondo dalle dimensioni globali con un'ottica particolarista o nazionalista: «Siamo tutti sulla stessa barca», ha detto papa Francesco con forza e semplicità. 


Editoriale di Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana del 7/2/2021

Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

La "forza debole" della preghiera può spostare le montagne

Il cardinale Matteo Maria Zuppi con il presidente Joe Biden Il cardinale Zuppi è stato a Washington dal 17 al 19 luglio dove ha incontrato anche il presidente Biden . Nel lungo e cordiale incontro, il cardinale gli ha consegnato una lettera di Francesco e gli ha manifestato "il dolore del Papa per la sofferenza causata dalla guerra". La sofferenza della guerra è stata al centro del colloquio. L'inviato del Papa si è chiesto come alleviarla. Le questioni umanitarie sono state un tema rilevante nelle conversazioni perché la Santa Sede è molto impegnata su di esse. Il colloquio ha toccato gli sviluppi del conflitto, iniziato un anno e mezzo fa con l'attacco russo. La Santa Sede, come ha già manifestato il card. Zuppi sia a Kyiv che a Mosca, è preoccupata per il suo prolungarsi. Nel viaggio a Kyiv il cardinale aveva constatato le condizioni di vita del popolo ucraino. A sua volta l'elemosiniere del papa, il card. Krajewski, si è recato più volte in Ucraina, anche in r

La Chiesa non si deve rassegnare a un paese fatto di "sonnambuli": dalla sua storia e dal suo vissuto emergono energie di fede e speranza che fanno bene a tutti, vecchi e nuovi italiani

Migranti latinoamericani a messa dal Papa Sono "sonnambuli" gli italiani secondo il rapporto del Censis. Ma una comunità con meno fedeli ha energie di fede In che mondo gli italiani vivono la loro fede? Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, la  57a edizione di un'analisi che ha accompagnato la storia italiana, ci aiuta - grazie alle intuizioni di Giuseppe De Rita - a guardare alle dinamiche del presente e del futuro. Non si può pensare alla fede fuori dalla realtà umana degli italiani. Tante volte l'idea di cambiare la Chiesa viene declinata in maniera interna e autoreferenziale. Gli italiani, oggi, non sono quelli che vissero il Vaticano II o le crisi vitali degli anni Sessanta-Settanta. Non sono il Paese "forte", che resistette al terrorismo, in cui il cattolicesimo era una componente decisiva.  Oggi - dice il rapporto - l'Italia è un Paese di "sonnambuli": «il portato antropologico della difficile transizione dalla grammat