Passa ai contenuti principali

La funzione sociale della Chiesa non è ancora stata compresa

24 aprile 1915-2015. Cent'anni dopo il coraggio della memoria e del dialogo

Sono trascorsi esattamente cent`anni dai massacri degli armeni nell'impero ottomano, iniziati i1 24 aprile 1915 con la deportazione dei notabili della comunità di Istanbul. É una storia che non passa, stretta tra due memorie contrapposte: la turca e l'armena. Lo si è visto nelle dure risposte turche a papa Francesco, quando ha parlato del «primo genocidio del Novecento». La Turchia repubblicana, nonostante Kemal Ataturk non fosse coinvolto in quegli eventi, ha, dall'inizio, costruito la sua storia derubricando le stragi a episodi di violenza nel caos bellico o a reazioni alle insorgenze armene. All`atto della fondazione della Repubblica, ne1 1923, il governo temeva rivendicazioni territoriali armene. Era poi rilevante l`appoggio di non pochi Giovani Turchi (al potere nel 1915), che avevano sostenuto i massacri e sottratto i beni cristiani. Si sono sviluppate così una storiografia ufficiale, negatrice del genocidio, e una politica giudiziaria contro chi parlava di massacri. Cent`anni dopo i tempi sono maturi per una riflessione senza divisioni: la storia non deve utilizzare il passato per fomentare l'odio, ma per creare le basi di un riavvicinamento tra i discendenti dei sopravvissuti ai massacri e la Turchia.
Ancora nel 2005, il Nobel per la Letteratura Orhan Pamuk fu incriminato per «vilipendio all'identità nazionale». Per gli armeni, tra il 1915 e i1 1916, è avvenuto un genocidio di 1.500.000 correligionari. Restano il dolore e la memoria dei discendenti. Il romanzo dell'ebreo tedesco, Franz Werfel, I quaranta giorni del Mussa Dagh, da1 1933 ha fatto conoscere al mondo quella storia. L'attuale storiografia, con varietà di posizioni, ha mostrato una vicenda impressionante: la tragica fine di un mondo di convivenza tra cristiani e musulmani. Certo era una convivenza su basi disuguali, come l'aveva disegnata l'impero ottomano alla nascita (ma nell`Europa coeva era peggio, tanto che nel 1492 gli ebrei, scacciati dalla Spagna, trovarono rifugio tra gli ottomani).
I Giovani Turchi, nel 1915, sconfitti nei Balcani dai Paesi «cristiani», colsero l`occasione della guerra mondiale per fare pulizia etnica degli armeni e costruire una nazione turca, assimilando le masse curde, arabe e d'altra etnia. Ma era impossibile turchizzare gli armeni dalla spiccata identità. Andavano eliminati. Per questa operazione scatenarono il fanatismo contro l'infedele. Così, con gli armeni, morirono tanti cristiani poi dimenticati: siriaci, caldei, assiri, protestanti. La nuova storiografia (anche di studiosi turchi), fondata su archivi ottomani, conferma i massacri.
I cristiani sono quasi scomparsi dall'Anatolia durante la guerra: erano il 19% al censimento del 1914. Continuano però due memorie divaricate. Gli armeni ricordano oggi Metz Yeghern, il Grande Male, a Erevan, assieme a Putin, Hollande e tanti religiosi cristiani. Erdogan, in questi giorni, commemora la battaglia di Gallipoli del 1915, una vittoria ottomana che costò 250.000 morti a turchi e truppe dell'Intesa.
Tutto resterà bloccato nella contrapposizione? Eppure gli armeni e i turchi di oggi non sono né le vittime o i massacratori di cent`anni fa. La storia va riconosciuta. Parte della storia è anche ricordare i musulmani che strapparono i cristiani ai massacratori. Tanti cristiani morirono in quelle stragi; tanti furono forzati (specie donne e bambini) a convertirsi all'Islam e inserirsi nella società musulmana. La loro memoria riaffiora oggi dai discendenti.
E poi - fatto incredibile! in Turchia, accanto ai 40.000 armeni «storici», ne sono giunti altri l00.000 immigrati dall'Armenia, quasi un ritorno. Hrant Dink, intellettuale turco-armeno, fu ucciso nel 2007 perché voleva rifondare il «vivere insieme», chiedendo con sensibilità e sincerità ai turchi di ricordare Metz Yeghern. Furono complici del suo assassinio alcuni funzionari di polizia (oggi indagati). Dopo la sua morte è stata avanzata una richiesta di perdono per le stragi che ha raccolto 30.000 firme turche.
A gennaio scorso, il primo ministro turco Davutoglu ha rievocato Dink come simbolo di un «nuovo inizio» tra turchi e armeni. Davutoglu in questi giorni ha proposto di «affrontare onestamente il passato». Oggi la forza politica al potere in Turchia, nonostante i radicati settori nazionalisti, può imprimere una svolta. D`altra parte c`è un'Armenia indipendente. La storiografia internazionale è matura. Non si può indagare il passato, liberi dai fantasmi? La storia non deve utilizzare il passato per fomentare l`odio, ma per discutere insieme in modo documentato. In un Mediterraneo, inquinato da violenze e contrapposizioni, sarebbe un bel segnale proprio l`avvio di un processo, anche lento, che riavvicinasse turchi e armeni alla luce del realismo storico e dell`incontro. Qui non basta la politica, ma ci vogliono coraggio civile e cultura.

Un editoriale di Andrea Riccardi su "Il Corriere della Sera" 24 aprile 2015 

Commenti

Post popolari in questo blog

La crisi in Giordania: a rischio un'oasi di pace nel caos del Medio Oriente

Il regno di Abdallah confina con Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq e ospita un altissimo numero di rifugiati Tutto è complicato e in movimento in Medio Oriente: le crisi si susseguono. Un solo Paese è stabile: la Giordania, su cui regnano gli hashemiti, famiglia che discende dal profeta Maometto. Ora il re Abdallah è stato scosso da una congiura, che coinvolge il fratellastro, principe Hamzah (un tempo erede al trono, che poi ha dovuto lasciare il posto al figlio di Abdallah). Il re ha assicurato che la situazione è sotto controllo e Hamzah ha dichiarato fedeltà al sovrano.  È una faida da famiglia reale, forse un po' più significativa di quella dei Windsor, con le rivelazioni del principe Harry e della moglie Meghan. Si gioca la stabilità di uno Stato al confine di Israele, Siria, Arabia Saudita e Iraq, che si affaccia sul Mar Rosso con il porto di Aqaba.  C'è stato un grande allarme internazionale. Il presidente Biden ha telefonato al re per sostenerlo. La crisi sembra r

La "forza debole" della preghiera può spostare le montagne

Il cardinale Matteo Maria Zuppi con il presidente Joe Biden Il cardinale Zuppi è stato a Washington dal 17 al 19 luglio dove ha incontrato anche il presidente Biden . Nel lungo e cordiale incontro, il cardinale gli ha consegnato una lettera di Francesco e gli ha manifestato "il dolore del Papa per la sofferenza causata dalla guerra". La sofferenza della guerra è stata al centro del colloquio. L'inviato del Papa si è chiesto come alleviarla. Le questioni umanitarie sono state un tema rilevante nelle conversazioni perché la Santa Sede è molto impegnata su di esse. Il colloquio ha toccato gli sviluppi del conflitto, iniziato un anno e mezzo fa con l'attacco russo. La Santa Sede, come ha già manifestato il card. Zuppi sia a Kyiv che a Mosca, è preoccupata per il suo prolungarsi. Nel viaggio a Kyiv il cardinale aveva constatato le condizioni di vita del popolo ucraino. A sua volta l'elemosiniere del papa, il card. Krajewski, si è recato più volte in Ucraina, anche in r

La Chiesa non si deve rassegnare a un paese fatto di "sonnambuli": dalla sua storia e dal suo vissuto emergono energie di fede e speranza che fanno bene a tutti, vecchi e nuovi italiani

Migranti latinoamericani a messa dal Papa Sono "sonnambuli" gli italiani secondo il rapporto del Censis. Ma una comunità con meno fedeli ha energie di fede In che mondo gli italiani vivono la loro fede? Il Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, la  57a edizione di un'analisi che ha accompagnato la storia italiana, ci aiuta - grazie alle intuizioni di Giuseppe De Rita - a guardare alle dinamiche del presente e del futuro. Non si può pensare alla fede fuori dalla realtà umana degli italiani. Tante volte l'idea di cambiare la Chiesa viene declinata in maniera interna e autoreferenziale. Gli italiani, oggi, non sono quelli che vissero il Vaticano II o le crisi vitali degli anni Sessanta-Settanta. Non sono il Paese "forte", che resistette al terrorismo, in cui il cattolicesimo era una componente decisiva.  Oggi - dice il rapporto - l'Italia è un Paese di "sonnambuli": «il portato antropologico della difficile transizione dalla grammat